Benvenuti

Scarica il giornalino dell' Istituto

 

 

 

Circolo Didattico 
"Giuseppe Fava"

Scuola dell’Infanzia 
Scuola Primaria 

Dirigenza e Amministrazione presso:

Via Timparello ,47 - 95030 Mascalucia ( CT )
Tel.: 095 7277486  – Fax: 095 7277486
Posta elettronica Segreteria: ctee06100v@istruzione.it 
Posta Elettronica Certificata: ctee06100v@pec.istruzione.it

Ultime comunicazioni

19/08/2016 - AVVISO per i Docenti assegnati dall’a.s. 2016/2017, per la prima volta, al C.D. “G. Fava” di Mascalucia

 I Docenti  assegnati dall’a.s. 2016/2017, per la prima volta, al C.D. “G. Fava” di Mascalucia, sono convocati giorno 1-09-2016  alle ore 9.00 presso gli Uffici di Segreteria della scuola per la presa di servizio.

19/08/2016 - CONVOCAZIONE COLLEGIO DEI DOCENTI

Si comunica  alle  SS. LL. che in data 01/09/2016 alle ore 10.00, nei locali della sala “Santina D’Urso” del plesso Timparello, del C.D.”G. Fava” di Mascalucia, si terrà il Collegio dei docenti in seduta plenaria

29/07/2016 - INDIVIDUAZIONE PERSONALE DOCENTE INFANZIA SOSTEGNO

Prot. 3247/B05                                                                                                                       Mascalucia, 29 luglio 2016

Avviso pubblico per l'individuazione dei docenti trasferiti o assegnati agli ambiti territoriali e il conferimento degli incarichi nelle istituzioni scolastiche.

Giuseppe Fava

Giuseppe Fava detto Pippo (Palazzolo Acreide, 15 settembre 1925 – Catania, 5 gennaio 1984) è stato uno scrittore, giornalista e drammaturgoitaliano, oltre che saggista e sceneggiatore. 
Fu un personaggio carismatico, apprezzato dai propri collaboratori per la professionalità e il modo di vivere semplice. È stato direttore responsabile del Giornale del Sud e fondatore de I Siciliani, primo vero giornale antimafia in Sicilia; il film Palermo or Wolfsburg, di cui ha curato la sceneggiatura, ha vinto l'Orso d'oro al Festival di Berlino 1980. È stato ucciso nel gennaio 1984 e per il delitto sono stati condannati dei membri del clan mafioso dei Santapaola. È considerato il primo intellettuale ucciso da Cosa nostra.
I suoi genitori Giuseppe ed Elena erano maestri di scuola elementare, i suoi nonni contadini. Nel 1943 si trasferì a Catania e si laureò in giurisprudenza. 

Abbonamento a Feed prima pagina

Sito realizzato da Ing. Russo Davide su modello di N. Caprotti nell'ambito del Progetto "Un CMS per la scuola" di Porte Aperte sul Web,
Il modello di sito è rilasciato sotto licenza Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 3.0 Unported di Creative Commons.